Ultimi Ray Ban

Con quest’ultimo fa coppia ne La notte e la città (1992), seguito dal ruolo di una donna coraggiosa che si nasconde dietro ad un atteggiamento frivolo e leggero, ma capace di denunciare le conseguenze degli esperimenti nucleari, in Blue Sky (1994) di Tony Richardson. Il film la premia con il secondo Oscar, una conquista importante per un’attrice ancora giovane e con una carriera ricca ma ancora piena di sorprese. L’anno dopo fa parte del cast di Rob Roy (1995) dov’è la moglie impavida dell’eroe scozzese del Settecento.Un periodo sfortunatoNella metà degli anni Novanta colleziona parti, sì da protagonista ma in film mediocri, accolti male dalla critica più agguerrita: è la sorella di Michelle Pfeiffer in Segreti (1997), la suocera arrogante di Gwyneth Paltrow in Obsession (1998) e una dei protagonisti del film in costume La cugina Bette (1998).

Gli esercizi più adatti per snellire le cosce sono gli squat e gli affondi, alternando le gambe. Possono essere eseguiti con l di pesi molto leggeri, oppure semplicemente sul peso del vostro corpo. Ricordate di non utilizzare pesi pesanti così eviterete di gonfiare ulteriormente i muscoli delle gambe.

R. Arond y G. Rotvand Entrevista con Ataulfo Argenta. Micheal Mann, autore del film che ha inaugurato il 59 festival di Locarno, produttore ed ideatore della serie televisiva omonima di successo negli anni ’80, esprime così la sua visione riguardo all’ oggetto dei suo recenti notturni metropolitani, il crimine e la legge: Contestualizzare il Male è solo un modo per cercare di tenerlo lontano, di fare finta che non ci riguardi. Ma è un tentativo miope: se ci guardassimo dentro, ci scopriremmo invece tutti capaci di odiare e di uccidere. Anche senza un motivo” ed effettivamente in Miami Vice il fosso che divide bene e male si salta in un baleno: è l’anima tecnologica delle metalliche realtà urbane contemporanee a sprigionare lo spirito demonico corruttore, che di giorno si mimetizza nei grattacieli color latte in mezzo a un’umanità evanescente ed anonima, di notte, fra i bagliori delle mille luci accese e strade e palazzi deserti, implode negli sguardi e nei gesti febbrili delle sue creature.

Per qualcuno sarà sempre il ragazzo con il chiodo addosso che, con un coltello a serramanico e il ciuffo alla Elvis Presley (nonché una sigaretta dietro le orecchie), intagliava il legno del suo banco liceale, proprio dietro una svogliata Michelle Pfeiffer in aria di Grease 2. Per altri è il baffuto poliziotto di Conflitto di interessi, che sopravvive a una vendetta ideata da un nome grosso della criminalità, ma che nel frattempo è pronto per rendergli pan per focaccia in uno degli unici ruoli positivi che gli ha riservato la settima arte. C’è poi chi lo ricorda per il ruolo del presentatore dagli occhi di ghiaccio e dal sorriso falso Jack Barry, conduttore di un Quiz Show truccato e chi lo preferisce padre di famiglia, negli Anni Cinquanta, che se la deve vedere con un figlio che è una peste ne Ci pensa Beaver.

Lascia un commento