Ray Ban 5228

“Samsung Electronics is the first electronics manufacturing company in Asia to set a renewable energy target. This commitment could have an enormous impact in reducing the company’s massive global manufacturing footprint, and shows how critical industry participation is in reducing emissions and accelerating the transition to renewable energy. More companies should follow suit and set renewable energy targets, and governments should promote policies that enable companies to procure renewable energy easily,” said Insung Lee, IT Campaigner at Greenpeace East Asia..

Alla fine degli anni Novanta partecipa a La neve cade sui cedri di Scott Hicks, film disarmante che affronta la prigionia dei giapponesi in terra americana dopo l’attacco a Pearl Harbor, prosegue con La promessa, terzo lungometraggio di Sean Penn che confeziona un ottimo thriller ispirato al romanzo omonimo dello scrittore tedesco Drrenmatt. Passa a tutt’altro tono con il sentimentale Le pagine della nostra vita (2004) diretto dall’americano Nick Cassavetes e affronta per due volte il genere western, con un cast al femminile in Bandidas (Penelope Cruz e Salma Hayek pistolere del West) e ne L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford, presentato alla Mostra del cinema di Venezia, snobbato dalla critica (malgrado la coppa Volpi all’attore Brad Pitt) ma molto apprezzato dal pubblico.Di indubbio valore sono le sceneggiature di film come Zabriskie Point (1970) di Antonioni e Paris, Texas del tedesco Wim Wenders, regista con il quale ha creato un sodalizio artistico durevole per la vicinanza di interessi che si rispecchiano soprattutto nella rappresentazione del paesaggio, con suggestioni che ricordano i quadri di Edward Hopper. Ambienti freddi e spazi angusti che sono simbolo della desolazione psichica dei personaggi, spesso colti in crisi esistenziale.

A levare le castagne dal fuoco dovrà pensarci, ancora una volta, il generoso Gamera.Sugli schermi italiani la pellicola apparve nel 1972 con un titolo inventato di sana pianta e con Alan Kramer designato regista al posto di Noriyaki Yuasa (. Evidentemente Noriyaki doveva essere antipatico a qualcuno: anche un paio di anni prima gli era stata, infatti, soffiata la paternità di King Kong contro Godzilla). In America scelsero un titolo più anonimo, Gamera vs Monster X, ed uno più sensazionalistico, Monsters Invade Expo 70.

Non voglio fare film drammatici, perché sono il primo ad annoiarmi quando ne vedo uno.Alla fine dei conti, chi esce meglio dal confronto?Brizzi: Le femmine. Pulsatilla, nonostante in fase di sceneggiatura fosse una contro tre di noi, ha azzeccato tutti i nostri difetti, non c’era modo di ribattere.Bisio: Aggiungerei che mi pare che le donne di questo film siano più vere e tridimensionali delle donne che vediamo sui giornali.Ficarra: La più grande verità del film è che l’obiettivo delle donne è cambiare gli uomini, se avessero l’uomo perfetto non saprebbero cosa farci.Littizzetto: In realtà è vero che ci innamoriamo dei difetti degli uomini, dei maschi un po’ stronzi e un po’ pirla, poi però li troviamo fastidiosi e viviamo male. Gli uomini, invece, se ne sbattono, fanno la loro strada, e fanno bene.

Lascia un commento