Ray Ban 2016

Perché nessuno come Jennifer conosce la resilienza fuori norma delle donne e dei working class heroes.Il capitale ‘simpatia’ la incorona star diletta e la piazza al secondo posto sul podio delle attrici più pagate di Hollywood, dietro all’irriducibile Sandra Bullock e davanti all’inossidabile Jennifer Aniston.Senza timore di esagerare, si può ragionevolmente sostenere che Jennifer Lawrence sia in questi giorni la donna più popolare negli Stati Uniti, dove Hunger Games ha aperto con un dato straordinario nel primo weekend, 155 milioni di dollari, diventando di gran lunga il film di maggiore incasso tra le pellicole non sequel. E si può dire che se lo merita, perché la prova in Hunger Games conferma il suo enorme talento, tanto che l’etichetta di miglior attrice della sua generazione sembra spettargli di diritto.”Il programma che abbiamo portato a Londra quest’anno è pieno di storie raccontate ad arte che stimolano il pensiero, guidano l’empatia e permettono al pubblico di connettersi, in modi profondamente personali, all’esperienza umana universale” ha detto Robert Redford, Presidente e Fondatore del Sundance Institute. Ogni inverno Park City, nello Utah, ospita il celebre Sundance Film Festival, dando voce ai narratori indipendenti che sono in grado di scuotere il cinema contemporaneo, illuminando le imperfezioni e le possibilità del nostro mondo in un modo originale e interessante.Per accorciare le distanza, dal 31 Maggio al 3 Giugno, si è svolto nella capitale inglese il Sundance Film Festival: London, che ha presentato in anteprima europea dodici film che hanno fatto parte del programma della scorsa edizione del Sundance Film Festival americano.I film e le voci del festival di Londra offrono un obiettivo creativo per interpretare i nostri tempi complessi.

Ma indovinate di chi si innamorerà? Se la trama di Dirty Dancing 2 di Guy Ferland vi ricorda qualcosa è perché è identica a quella di “Dirty Dancing” (1987), di cui è il sequel, ambientato però qualche anno prima del film di Emile Ardolino che era collocato invece negli Usa dei ’60.Cuba, 1958. Vigilia della rivoluzione, la famiglia della diciottenne americana Katey Mifier (Romola Garal) si trasferisce all’Avana. Qui il padre della giovane ha ottenuto un posto come dirigente per la sede cubana della Ford.

Idea della madre che era rimasta largamente colpita, nel suo immaginario, dall’idea del sogno americano ma, giunti negli Usa ,si ritroveranno invece a lavorare come raccoglitori di cotone in un campo. Con l’adolescenza, la Bouchet studia alla Galileo High School, mentre il padre riprende il lavoro di fotografo, non potendo esercitare quello di operatore di camera, dato che non era iscritto al sindacato. Nel 1959, la già biondissima e carismatica Barbara, vince un concorso di bellezza, aggiudicandosi la fascia di Miss Gidget.

Lascia un commento