Prezzo Dei Ray Ban

La verità viene a galla sempre: non bastano enormi bicipiti color ebano per fare un attore, su questo siamo tutti d’accordo. Magari accendono una bomba di erotismo maschile, affascinante quanto di breve durata, ma da soli non fanno un interprete. La legge di Costantino Vitagliano, del resto, è ancora valida per tutti! Morris Chestnut, bellezza afro americana, dopo una lunghissima gavetta nella zona all black, cerca di arrivare a quella all people, ma non si va oltre i soliti ruoli di “duro di colore incazzato nero”.

Ci sono una serie di ragioni alla base. Se la rete fatica a “sfrecciare” è possibile che il problema sia da ricercare nelrouter, in modo particolare se il modem è stato acquistato da molto tempo. Non sottovalutate poi il provider, ossia l’azienda che fornisce il servizio internet: non tutte, infatti, sono in grado di garantire la stessa velocità di connessione.

Alla metà degli Anni Settanta, comincia a lavorare anche in televisione. La sua prima apparizione sul piccolo schermo è in una versione statunitense di un classico del teatro italiano “Il giuoco delle parti” di Luigi Pirandello, diretta da Kirk Browning. Suo il ruolo di una vicina.

Affiancato spesso dalla presenza di Allan Arkush, Dante decide di realizzare il suo primo lungometraggio assieme al suo fidato collaboratore. Nasce così Hollywood Boulevard (1976), seguito a ruota dal più famoso Piraa (1978), girato per Corman, realizzato in meno di un mese con un budget ridottissimo. Malgrado le premesse, il film si rivela un piccolo gioiello che incassa bene al botteghino, diventando in breve tempo un vero e proprio cult.Il successo straordinario di GremlinsNel 1981 gira l’horror L’ululato, film su una giornalista in piena crisi di nervi che dovrà affrontare un gruppo di licantropi agguerriti, nascosti in una clinica psichiatrica.

Poi riesce a lavorare nella co produzione internazione di She (2001) diretto da Timothy Bond, un film fantascientifico di poco pregio, finito subito nel dimenticatoio. Anche lei poi decide di posare per un calendario: nel 2002 è nei 12 scatti della Campari, nel 2006 posa per il settimanale Panorama.La popolarità con la fiction televisivaSe il tentativo di sfondare al cinema non si rivela molto fortunato, in televisione le cose vanno molto meglio. Viene chiamata per vestire i panni di una dei protagonisti della serie Carabinieri (2002) dove finalmente trova un notevole riscontro di pubblico che comincia ad amarla non solo per la bellezza ma anche per la spontaneità della sua recitazione.

Lascia un commento